domenica, gennaio 13, 2008

Povera Patria

Questa canzone di Franco Battiato esprime perfettamente la situazione di degrado che viviamo in Italia. Siamo vittima di politici corrotti, e di mafia e camorra che decidono la sorte di milioni di persone. Sia a destra che a sinistra impera la corruzione. Viene davvero voglia di andare via da questo paese.
Povera Patria
Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere
di gente infame, che non sa cos'è il pudore,
si credono potenti e gli va bene quello che fanno; e tutto gli appartiene.
Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!
Questo paese è devastato dal dolore...
ma non vi danno un po' di dispiacere quei corpi in terra senza più calore?
Non cambierà, non cambierà no cambierà, forse cambierà.
Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?
Nel fango affonda lo stivale dei maiali.
Me ne vergogno un poco, e mi fa male vedere un uomo come un animale.
Non cambierà, non cambierà si che cambierà, vedrai che cambierà.
Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori, che non si parli più di dittature
se avremo ancora un po' da vivere...
La primavera intanto tarda ad arrivare.

3 commenti:

Stefano ha detto...

Ci sono anche i politici onesti e seri. Ci sono ancora, ma non hanno sufficiente libertà d'azione e il sostegno del Governo. Uomini come Mussi, Diliberto, Pecoraro Scanio e Giordano potrebbero fare molto ma questa risicata maggioranza non lo permette, anche per colpa dei centristi (UDEUR, Margherita, parte dei DS. L'Italia dei Valori di Di Pietro ha una marcia in più, anche se centrista. O almeno questo è il mio pensiero.)
Bel blog.

Stefano ha detto...

Comunque Grandissimo Battiato. E' il mio preferito.

Luigi Serra ha detto...

Grazie di aver espresso la tua opinione. Speriamo bene per il futuro.