sabato, ottobre 13, 2007

Il ritorno degli eroi


Io, che sono da sempre appassionato di fumetti, ho da un po' tempo, quasi smarrito il piacere di leggerli. I motivi sono diversi, ma sicuramente dopo averne letti tanti, trovare nuovi fumetti che mi colpiscano davvero è difficile, soprattutto nel fumetto italiano. Non a caso le ultime forti senzazioni le ho provate con i fumetti manga e con autori come Jiro Taniguchi e Naoki Urasawa.
Poi succede che vado all'edicola a comprare il primo numero della nuova serie della Bonelli: Volto Nascosto, scritto da Gianfranco Manfredi e disegnato da Goran Parlov, e ho una piacevole sorpresa. Lo leggo e mi sembra di tornare ragazzo. Ho divorato letteralmente l'albo. La storia è davvero ben scritta e scorre via che è un piacere. I disegni di Parlov sono una gioia per gli occhi. In questo primo numero c'è la lezione di maestri come Berardi e Milazzo, c'è Hugo Pratt, ho ritrovato, grazie, forse, alla copertina di Massimo Rotundo le atmosfere di Sera Torbara scritto da Giuseppe Ferrandino.
Mi è piaciuto talmente tanto, che, come non mi succedeva da molti, molti anni lo leggerò due volte nel giro di pochi giorni. Anzi mi sa che lo rileggo proprio stanotte, dopo che torno dalla pizzeria.

4 commenti:

Efisio Bianco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Fabrizio ha detto...

Letto oggi. Manfredi è un grande.

Luigi Serra ha detto...

@Efisio
Si finalmente un po' di avventura.

@Fabrizio
Si, Manfredi è davvero bravo.

Efisio Bianco ha detto...

Bella recensione,Luigi,sono più che d'accordo.Manfredi merita e il disegno di Parlov è eccellente.Tra L'altro le atmosfere ricordano quelle di Corto Maltese anche se il personaggio di Pratt nel 1889 doveva avere intorno ai cinque o sei anni.Finalmente un pò di avventura