venerdì, luglio 11, 2008

Le parole sono importanti! Come parla?

Non avrei voluto toccare l'argomento. Perchè quando uno esprime certe opinioni viene subito tacciato di essere di destra, se non peggio. Ma quando a sollevare il problema è uno come Nanni Moretti le cose cambiano. Sto parlando della manifestazione di martedì scorso a Roma.
Queste le dichiarazioni di Moretti:
"Sono molto avvilito per quello che è successo in piazza Navona. Gli organizzatori sono stati degli irresponsabili».
«Mi dispiace - ha continuato Moretti - che in questo disastro siano state coinvolte persone come Rita Borsellino, che ha fatto un bel discorso. Ma quando si organizzano queste cose bisogna distinguere. Mi dispiace che tutto sia stato sporcato, mi dispiace che con gli interventi di Grillo e della Guzzanti siano stati oscurati gli obiettivi della manifestazione e, forse, anche la stagione dei movimenti del 2002 che, se mi permettete, era un’altra cosa rispetto alla manifestazione di martedì».
«Sui girotondi e i movimenti - ha detto ancora Moretti - al di fuori dei partiti, nati nel 2002, spesso è stata fatta una caricatura, non raccontando la verità. Purtroppo, ora quella caricatura è diventata realtà. Non bisogna trovare scuse o pretesti nella non tempestività con la quale in queste settimane si è mosso o non il Pd. È stato irresponsabile chiamare chiunque, uno come Grillo che ha insultato tutto e tutti nello stesso modo. Sono avvilito, frastornato».

A parer mio martedì abbiamo assistito a una delle manifestazioni più inutili degli ultimi anni. La Guzzanti è ormai la caricatura di se stessa, sembra che si faccia l'imitazione da sola. Purtroppo dopo anni di onorata carriera ci troviamo davanti a un'attrice bollita, incattivita dal fatto che non lavora più in televisione e i suoi tentativi di fare cinema (con soldi pubblici tra le altre cose) sono andati male. Il suo film "Le ragioni dell'aragosta" è stato un autentico flop. L'impressione è che queste esternazioni siano dovute a una spasmodica ricerca di visibilità, con la speranza, magari, di strappare qualche contratto in più per delle serate.

4 commenti:

Capitan Ambù ha detto...

Sai Luigi non sono daccordo con te, io ho guardato l'intervento della Guzzanti e mi spiace dirlo, in passato ha detto e fatto molto peggio.
La realtà è che viviamo in un clima di totale ipocrisia, la Guzzanti è sicuramente amareggiata come lo sono tanti in questo momento, ma io certi discorsi da una persona che fa satira posso accettarli, il problema è che di quello che dice e fa il presidente del consiglio nessuno ha più nulla da dire.
Poi tu conosci abbastanza Grillo e la Guzzanti da poter affermare che siano così affamati di notorietà e successo? A me sembra che potrebbero farne a meno se volessero, basterebbe leccare il padrone come fanno tanti in questo periodo.
Il modo può non essere accettato ma cio che è stato detto è la verità e lo sappiamo tutti.
Non valutiamo il lavoro della Guzzanti dal flop al botteghino, io il film l'ho visto e mi è sembrato pure interessante, sopratutto per noi sardi, e poi mi sembra che meriti il rispetto come professionista.
Poi mi pare strano il tuo intervento, che ti ha fatto la Guzzanti per descriverla in questo modo?

Apriamo gli occhi, informiamoci, guardiamo oltre la notizia che arriva dalle tv o i giornali, ormai informazione di regime e facciamoci un'idea realistica di questa nazione allo sfascio.

Luigi Serra ha detto...

@Fabiano
La Guzzanti non mi ha fatto nulla... Diciamo che la stimavo tanto e adesso mi sta davvero deludendo...

Capitan Ambù ha detto...

Siamo tutti essere umani, la perfezione è divina. La Guzzanti personalmente non mi ha deluso nemmeno Grillo, in fondo non creano dei problemi reali alla nostra società.
Ben altra cosa è il problema Alitalia, Rete quattro, il "censimento" dei Rom, il decreto blocca-processi.
Questa è davvero una vergogna, la Guzzanti e Grillo non hanno incarichi costituzionali, e personalmente ho l'idea che siano spinti da una reale volontà di cambiare una certa Italia.
Basta guardare i telegiornali per capire che qualcosa non va, tutte le notizie o quasi attaccano il lavoro dei magistrati, direttamente o per vie traverse, ritornano i casi garlasco e co, utili a distrarre dai relai problemi.
Negli anni 90 c'erano 1800 omicidi volontari ora ce ne sono poco più di 600 e si parla di emergenza, a tal punto da portare l'esercito per le strade, la cosa triste è la passività della gente che si muove solo per far le file per il nuovo I-Phone.
La Guzzanti semplicemente ha paura perchè è in prima linea e ha un'idea ben chiara della situazione italiana, in fondo è il suo mestiere fare satira politica, e quando la democrazia è in pericolo c'è poco da ridere.

silvano ha detto...

Ciao Luigi, inutile vero? ti dica che sono completamente d'accordo con te.
ciao, silvano.
P.S. teniamo duro.